"ALLINEATA CON ME STESSA" parte ii

Il sentire è un MOVIMENTO, non è staticità, non è una bara di marmo, è un fluire, una danza, un gioco armonico che si modifica col passare del tempo perché CRESCE INSIEME A NOI, cambia sfumatura e colore perché è un continuo SPERIMENTARE.

Proseguimento del post ALLINEATA CON ME STESSA parte prima


In linea con quanto scritto ieri, la conseguenza è ovvia: NON SIAMO NATI PER SOFFRIRE.

Siamo nati per scoprire le meraviglie che custodiamo al nostro interno, siamo scrigni ricolmi di preziosità che sono date sia dai talenti (aspetti di noi che normalmente amiamo) ma anche dai lati di noi che non amiamo, che non comprendiamo, che riteniamo non ci appartengano.

Riconoscere le nostre parti deboli, stanche, disinteressate, rabbiose, gelose, competitive etc. ha un valore enorme. Riconoscere in noi quelle caratteristiche significa dire di SÌ alla casella IMPREVISTI/PROBABILITÀ, significa avere il coraggio di accettare di voltare una carta e vedere un pezzetto in più di noi, significa fare un passo verso quel nostro lato che consideriamo sbagliato, negativo, nemico.

E non è forse questo uno dei più grandi gesti d’amore?

Quindi, torniamo a rappropriarci dell’ascolto, sforziamoci di ripartire daccapo (se e quando serve) e diamo voce a ciò che ci fa stare bene.

Questo è il primo passo: fare, ogni giorno, un gesto d’amore nei confronti di noi stessi.


Il sentire è un MOVIMENTO, non è staticità, non è una bara di marmo, è un fluire, una danza, un gioco armonico che si modifica col passare del tempo perché CRESCE INSIEME A NOI, cambia sfumatura e colore perché è un continuo SPERIMENTARE.

Sviluppare dimestichezza col sentire è un arte che durerà per sempre e io non posso pensare di fare ‘per sempre’ una cosa che non mi diverta, così come so di non poter anelare alla perfezione sentendomi inadatta perché sarebbe un totale controsenso.

Porsi obiettivi caparbi va bene se nel contempo mi occupo anche di me, diversamente se sono scarsa o addirittura priva di amore per me stessa, tali obiettivi sono irraggiungibile o illusori.

Se non mi amo, dove vado? A chi mai potrò servire?

Ovunque andrò non potrò né gioire, né amare, né sentirmi amata, perché non posso sentire qualcosa che non ho.

Siamo come assetati nel deserto che cercano una fonte dove poter attingere acqua, inconsapevoli del fatto che la nostra inesauribile fonte si trova al nostro interno, non fuori, essa è la fonte da cui è impossibile essere scollegati.


Sì, bisogna imparare ad ascoltarsi bene e, in effetti, non sempre è facile, però è molto più semplice di quanto sembri.

Il SENTIRE è in tutti noi.

Certe volte sono considerazioni che ci attraversano come veloci saette a cui non siamo abituati a dare retta. Addirittura, spesso, definiamo il nostro sentire con frasi del tipo “…no…sono solo stronzate!”. Scusate il termine, ma è proprio così che spesso descriviamo le nostre sensazioni profonde. Vi è mai successo?

Etichettare come “stronzata” il nostro sentire: questo sì, è alto tradimento.

Sarebbe come sotterrare i preziosi talenti che Dio ci ha dato, anziché farli fruttare.

Al contrario, la pratica e l’allenamento all’ascolto di noi ci portano all’unico vero incastro, noi con noi, ossia: DIO CHE SI FA UOMO! Lo Spirito e la materia innamorati l’uno dell’altra.

Se Dio non ci volesse come siamo, non avrebbe dato origine a tutta questa meraviglia di mondi e galassie e sono certa che, se ha messo tanta premura nel creare le Strelitzie (in inglese Bird of Paradise Flower) – vedi foto - a maggior ragione ha messo totale dedizione, riguardo e amore nel creare tutti noi.

Dio non può volermi diversa da come sono e visto che voglio essere allineata a Lui, ho voluto e dovuto trovare e fare esperienza di me. La mia fonte è in me, inesauribile e inconfondibile.

Io mi nutro del Padre e il Padre mi ama indipendentemente da ciò che faccio.

Mi ama se seguo un percorso spirituale e mi ama se vado a fare la barista a Bali.

…semmai l’unica che non si ama, se non segue il proprio sentire, sono io. A me la scelta.

Gli altri non c’entrano nulla. È il mio intimo rapporto col divino che è in me e che prende forma in me. Se io amo ogni mia parte, illumino il divino che prende forma attraverso ciò che faccio.


Il Padre ci sta amando, adesso, come siamo fatti ora e ci ha amati prima di crearci. Siamo la conseguenza dell’amore, siamo amore.

La mia esperienza mi ha insegnato che per sentire quell’amore e quel senso di completezza (che solitamente cerchiamo nei genitori prima e nel partner poi) si debba avere il coraggio di seguire se stessi.


IL SENTIRE È IL SENTIERO (qualcuno si ricorderà la conferenza), esso ci dà gioia e con la gioia possiamo fare tutto! La gioia è un benevolo virus che contagia ogni cosa, mentre con l’insoddisfazione di noi stessi contageremo il nostro mondo di sfiducia e sconforto.

Dobbiamo essere fieri di noi, allora sì che possiamo sostenere grandi fatiche, fare sforzi, avere obiettivi altissimi, anche se a volte siamo scambiati per pazzi. Ma conterà la nostra fonte, il nostro essere allineati con noi stessi, questo ci disseterà sempre, nella buona e nella cattiva sorte.


Se fare un percorso spirituale vi sta spegnendo e siete più tristi di prima, siete sicuri che quel percorso faccia per voi?

S O N D A T E V I, chiedetevi COSA VI FA STARE BENE e sperimentate! Dovete averne voi la prova, non gli altri!


Questo 2020 mi ha insegnato a BENEDIRE il piacere, il riposo, l’attesa, la famiglia, il vuoto, gli amici, le piccole cose, la natura, il silenzio, il divertimento e tutto ciò che mi fa stare bene.

E voi, fate ciò che vi fa stare bene? Vi state divertendo in questa vita?

Vi ricordo che non è vietato fare ciò che ci piace! Tutt’altro: fare ciò che ci piace (ciò che è allineato con il nostro sentire) onora il divino e rende sacro ogni nostro gesto.

Marco 12:31 “Amerai il prossimo tuo come te stesso. Non c'è altro comandamento più importante di questi”.

Ogni volta, infatti, che detesto qualcosa in me, lo detesterò anche negli altri e viceversa.


Una particolare sfumatura, datami dal lavoro con le Costellazioni Familiari, Evolutive e Karmiche, ha aperto il mio Cuore che tende ad espandersi all’infinito. Lo sento, ora più che mai, ricolmo di volontà nell’accogliere gli odiati, i dimenticati, gli accusati, i persecutori e, in generale, coloro che normalmente non vengono accettati. Questo mi rende una costellatrice felice, non per il FARE, ma per l’ESSERE perché se non sono io la prima ad amare, come posso pretendere che chi viene da me possa far pace con se stesso?

Dopo 17 anni come insegnante dei Corsi di Risveglio, quest’anno ho sentito di dover scendere totalmente nel mio sentire come mai avevo fatto prima. Tutto quanto sopra descritto ha tanto lavorato in me negli ultimi mesi sino a diventare palesemente chiaro che è giunto per me il momento di cambiare prassi e di offrire agli altri il mio “personale allineamento con me stessa”.

Ecco perché scelgo una strada “a modo mio”, con nuove modalità ricche delle intuizioni che mi fanno stare bene. Intraprendo un nuovo percorso, in gran parte ancora da costruire.

Si conclude il mio lavoro con Gruppo Crisopea che mi ha dato tanto e a cui ho tanto dato, ora parto per solcare mari inesplorati.

Mi auguro che questo mio navigare sia fresco come la brezza mattutina all’alba sulla spiaggia in agosto, caldo come una stufa accesa in pieno inverno e sprizzante di gioia come il volo del colibrì.

Un caro saluto i miei “ex-colleghi”: auguro loro il meglio, ringraziandoli per il viaggio fatto insieme.


A tutti voi: che l’inizio di questo nuovo anno possa rappresentare nuove Gioie nella vostra vita e maggior Fede in voi stessi!


Con amore,

Paola


Vi ricordo i miei prossimi appuntamenti:


💎 "I MISTERI DELLA GIOIA" webinar - 23 gennaio 2010 @14.30-18.30

Chantal Dejan, titolo intervento: “La Gioia del Dolore”

Giovanna Garbuio, titolo intervento “La via della Gioia nella propria missione di nascita”

Alessandro Baccaglini, titolo intervento: “Le Nozze Sacre: la Gioia dell’Unione”

Paola Costa, titolo intervento, “Nati per gioire”


Per info e prenotazione: imisteridellagioia@gmail.com

tel. 347.5444348 / 338.7488353


💎 "LA COPPIA: UN TUFFO NELL'IGNOTO PER CONOSCERE DIO"

webinar - 14 febbraio 2021 @ 15:00-18:00

* SEMINARIO APERTO ANCHE AI SINGLE *

Maggiori info: https://www.risveglioinbellezza.com/eventi

Info e iscrizione: risveglioinbellezza@gmail.com


#Allineamento #Sentire #Starebene #Gioia #Costellazionifamiliari #Amore

41 visualizzazioni

Post correlati

Mostra tutti